Tree Hunters

Massarosa e dintorni: le bellezze naturali

In questo articolo vi parleremo delle bellezze naturali di Massarosa e i suoi dintorni. Ubicato tra il lago e le colline della Lucchesia, Massarosa è un paese per lo più sconosciuto al turismo di massa, da apprezzare però, per alcuni suoi luoghi di bellezza naturalistica. Noi ne abbiamo visitati 3:

  1. Il campo di fiori di loto
  2. l’olivo dei 30 zoccoli
  3. Oasi Lipu di Massaciuccoli

Campo di fiori di loto

Sulla pista ciclopedonale ai margini dell’abitato di Massarosa si trova un enorme campo di fiori di loto. Fortunatamente noi l’abbiamo visitata nel periodo della sua fioritura (giugno-luglio).

Il loto (nelumbo) è una pianta acquatica ancestrale con foglie molto decorative e grandi fiori di colore bianco, rosa, giallo e rosso, è tipico di stagni con acque prive di corrente. Le foglie raggiungono anche il metro di diametro, sono idrofobiche e si alzano fino a 80 cm- 1 mt dal terreno. Il fiore dal grande effetto scenico è composto da più di 20 petali ed ha un profumo inebriante. Essendo pianta tipica dell’America centro-meridionale, è raro trovare delle coltivazioni nella nostra Penisola.

Percorrendo questa piccola ma ben tenuta ciclopedonale si può avere uno spaccato della zona umida del lago dove, dopo aver superato canneti di stipa e passerelle in legno, troviamo i nostri maestosi fiori di loto: da non perdere!

Massarosa e dintorni: le bellezze naturali

Olivo dei 30 zoccoli

L’olivo dei 30 zoccoli è un albero monumentale ubicato in località Piano del Quercione a Massarosa. Ha un circonferenza di quasi 10,50 metri ed è alto 9. Possiamo stimare in circa 700 anni la sua età.

Una testimonianza lo cita già nel 1700:

“..c’erano sopra 13 persone che battevano le olive con delle pertiche, come si usa qua..”

Cit. George Christoph Martini

Tutti e 13 i contadini indossavano presumibilmente degli zoccoli che, per salire sull’albero, avevano depositato ai piedi del tronco. Quindi la scena mostrava 13 contadini sull’albero e 26 zoccoli alla sua base per approssimazione storica divennero 30. Da qui il nome Olivo dei 30 zoccoli.

Massarosa e dintorni: le bellezze naturali

Oggi da quell’unica ceppaia emergono una serie diversa di tronchi. La pianta non gode più di ottima salute sia per il crescente inquinamento sia per l’abitudine (in voga negli anni ’60) dei locali di sedere fra i suoi rami a giocare a carte.

Oasi Lipu di Massaciuccoli

L’ultima tappa di questo viaggio nella natura di quest’angolo toscano non poteva che essere il Lago di Massaciuccoli. Abbiamo visitato l’Oasi Lipu per immergerci, attraverso passerelle, nell’ambiente paludoso dell’area dove nidificano e migrano molte specie avicole. Il fitto canneto con lo sfondo lacustre è ottimo come set di splendide foto ancora meglio se al tramonto (quindi portate la macchina fotografica!).

Il lago di Massaciuccoli e la sua Oasi fanno parte del Parco Naturale del Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli, istituito nel 1979. Il lago è considerato un lago-stagno con acque molto basse, ha una forma circolare e sfocia nel mare viareggino tramite il canale Burlamacca. La flora predominante è fatta da canne di palude, erba paperina, il falasco, la lisca e rare ninfee. La fauna, ricca soprattutto quella avicola, annovera tra altre specie anche l’airone rosso e il falco di palude.

Una passeggiata rilassante sulle passerelle tra la vegetazione è quello che ci vuole dopo una torrida mattinata al mare e un ricco pranzo toscano. Vi consigliamo di girare e visitare il territorio e le bellezze naturali di Massarosa e i suoi dintorni sempre con a portata di mano una macchina fotografica… ogni scorcio potrebbe essere una sorpresa.

Se volete soggiornare nei pressi di Massarosa, vi consigliamo un alloggio davvero particolare e bellissimo immerso nella natura!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.